sabato 14 febbraio 2015

Posted by Fabio Barbato |



Ingredienti per 4 persone :


500 g   di Acciughe freschissime
50   g   di Farina 00
50   g   di Farina di Mais
500 ml di Olio di semi di Mais
2     Limoni
Q.b Sale



Le acciughe sono un tipico pesce della cultura gastronomica ligure e, aimè, spesso bistrattate.
Appartengono alla famiglia del pesce azzurro che, oltre ad avere la peculiarità di essere ricchissimo di Omega 3, hanno anche il pregio di avere spesso un prezzo competitivissimo sui banchi dei mercati.
Tra i mille pregi hanno la caratteristica di essere un ingrediente molto versatile nelle preparazioni sia di primi piatti che di antipasti sfiziosi, ma la loro morte, a mio modesto parere è e rimane quella di friggerle in olio bollente con una velocissima e altrettanto semplice panatura di farina.
Per realizzare questo saporito antipasto iniziamo con il pulire accuratamente le acciughe, che dovranno essere di primissima qualità e freschezza, sotto acqua corrente privandole della testa e delle interiora per poi aprirle a libro ed eliminare anche la lisca.
Una volta pulite in maniera minuziosa le acciughe facciamole scolare per qualche minuto e mettiamo a scaldare contemporaneamnte in una casseruola dai bordi alti mezzo litro di olio di semi di mais.
Quando l'olio avrà raggiunto i 180°, temperatura ottimale per un ottimo fritto, mischiamo la farina 00 a quella di mais, che regalerà al piatto finito una nota piacevolmente croccante, e infariniamo le acciughe pulite in precedenza.
Eliminiamo la farina in eccesso dalle acciughe e tuffiamone una decina alla volta, per non far abbassare troppo la temperatura dell'olio bollente, nella casseruola per almeno 3/4 minuti .
Scoliamole una volta pronte con l'aiuto di una schiumarola e facciamole asciugare su della carta paglia o carta assorbente e continuiamo in questo modo fino a friggerle tutte.
Una volta pronte possiamo salarle, magari macinando del sale grosso, per poi servirle bollenti con qualche fettina di limone se gradita e con una bella bottiglia di Pigato più che fresca.
Termino questa ricetta, tanto semplice quanto gustosa, sottolineando che il fritto non è nocivo se mangiato una volta ogni tanto e se, soprattutto, fatto in maniera attenta usando prodotti di prima qualità.
Occhio che si mormora che le acciughe fritte siano anche afrodisiache.
Buon S.Valentino!


FB


1 commenti:

Posta un commento