martedì 11 febbraio 2014

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti : 1,5 Kg di maialino da latte sardo, frasche di Mirto fresche q.b, 1 rametto di rosmarino, sale e pepe q.b


Il Porceddu arrosto senza dubbio è tra le specialità più rinomate e apprezzate della mia cara Sardegna, non eccede mai oltre i 5 Kg di peso e necessita di una proverbiale pazienza nel prepararlo nel metodo più tradizionale cioè sullo spiedo vicino ad una brace viva.
In questo caso, non potendomi avvalere di uno spiedo, ho optato per la maniera meno tradizionale, ma altrettanto valida del buon vecchio e caro forno di casa.
Per prima cosa, come in ogni ricetta tipica che si rispetti, bisogna recuperare la materia prima, in questo caso il maialino da latte, di primissima qualità.
Io avevo conservato gelosamente un cosciotto posteriore dal quale ho eliminato qualche setola rimasta e ho avuto l'accortezza di massaggiare per bene con sale, pepe nero macinato e un pochino di rosmarino tritato.
Successivamente ho riposto il mio cosciotto di maialino, con tanto di cotenna e GUAI ad eliminarla, su una placca  foderata con della carta da forno sulla quale ho distribuito delle frasche di Mirto in modo da formare un letto profumato che regalerà in cottura alla carne aromi e profumi che vi catapulteranno in quella terra meravigliosa che è la Sardegna. 
A questo punto ho infornato,senza aggiungere altri condimenti, in modalità ventilata ad una temperatura di circa 160°.
La cottura del maialino,in questa maniera, come del resto sullo spiedo, è molto lunga e varia a seconda del peso della carne.
Per 1,5 Kg di peso ho lasciato in forno per un paio d'ore per poi passare in modalità grill per il trascorrere dei minuti finali ottenendo una cottura a puntino della carne e allo stesso tempo una cotenna dorata ed estremamente croccante.
Terminata la cottura ho estratto il porceddu dal forno e l'ho impiattato fumante su di un letto di Mirto fresco, precedentemente lavato ed asciugato.
Ho stappato un bottiglia di Turriga della cantina Argiolas che si sposa divinamente bene al porceddu arrosto e mi sono lasciato catturare dai bouquet di profumi e sapori tipici di una terra da me adorata!!

1 commenti:

Posta un commento