lunedì 20 gennaio 2014

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 800 g di polpa di Capriolo, 1 cipolla, 1 carota, 1 costa di sedano, 1 bicchiere di vino rosso, 2 cucchiaini di concentrata di pomodoro, 300 g di polpa di pomodoro, 3 cucchiai di olio e.v.o, sale pepe bacche di ginepro e foglie di alloro q.b


Il Capriolo in umido è un secondo piatto dal sapore deciso tipico della mia adorata Maremma. La carne di selvaggina è particolarmente magra e povera di calorie e tra le specie animali che compongono questa categoria, il Capriolo ha senza dubbio la carne più tenera e ricca di proteine. 
La sua carne è ottima per la preparazione di svariate ricette, la più diffusa sicuramente è quella in umido servita spesso con della polenta fumante.
A differenza del Cinghiale il Capriolo non necessita di marinature al vino non avendo tra le sue caratteristiche il classico sapore di "selvatico".
Per realizzare questa ricetta bisogna procurarsi della polpa di Capriolo, io l'ho fatto tramite amici cacciatori, ma nella grande distribuzione incomincia a trovarsi senza troppe difficoltà.
In una casseruola capiente mettiamo a soffriggere, in un abbondante giro d'olio e.v.o, un trito di cipolla, sedano e carota al quale aggiungeremo la polpa di capriolo a rosolare assieme a qualche foglia di alloro e a delle bacche di ginepro.
Quando la carne si sarà scottata leggermente sfumiamola con un bel bicchiere di vino rosso a fiamma viva, io ho usato un S.Giovese, e quando sarà evaporato aggiungiamo la polpa di pomodoro e una punta di concentrata.
Aggiustiamo di sale e pepe macinato, a chi piace suggerisco anche una punta di peperoncino fresco, e lasciamo in cottura a fiamma molto dolce per circa un'ora rimestando di tanto in tanto.
Passato il tempo necessario a far ridurre la salsa e a cuocere a puntino il capriolo, possiamo servire il tutto magari accompagnandolo con un cucchiaio abbondante di polenta.
Abbiniamo questo saporitissimo secondo ad un Morellino di Scansano DOCG e ci porteremo in tavola ogni volta un pochino di Maremma.


2 commenti:

Posta un commento