domenica 29 dicembre 2013

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 300 g di farina 00, 3 uova, 4 ceppi di Radicchio Trevigiano, 500 ml di besciamella, 100 g di Parmigiano grattugiato, 125 g di mozzarella,olio e.v.o, sale e pepe q.b


Le lasagne al radicchio sono un primo piatto corposo e ricco di gusto adattissimo ai pranzi domenicali o comunque di festa nel periodo invernale e rappresentano un'alternativa delicata e saporita alle più classiche lasagne alla "Bolognese".
Iniziamo con la preparazione della pasta versando la farina su di una spianatoia nella classica fontana dove andremo a rompere e ad amalgamare le uova fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo che stenderemo in una sfoglia sottile, io lo faccio utilizzando la macchina stendi-pasta, ma per i più tradizionalisti potete fare utilizzando un mattarello.
Ricavati i fogli di pasta fresca mettiamoli da parte e passiamo a mondare e tagliare in maniera molto sottile il radicchio trevigiano, quello lungo per intenderci.
In una casseruola antiaderente facciamo appassire molto velocemente il radicchio tagliato in un giro d'olio e.v.o aggiustando di sale e pepe per poi levarlo dal fuoco e farlo raffreddare.
A questo punto possiamo iniziare a comporre le nostre lasagne dopo aver scottato per pochi secondi in acqua bollente e salata i fogli di pasta fresca fatti precedentemente.
In una teglia da forno rettangolare versiamo un paio di cucchiai di besciamella sulla quale adageremo la sfoglia coprendone tutta la superficie.
Distribuiamo altra besciamella, uno strato di radicchio appassito e mozzarella tritata e una spolverata abbondante di Parmigiano grattugiato.
Copriamo con altri fogli di pasta e ripetiamo l'operazione formando almeno cinque strati.
Finito di comporre la lasagna sull'ultimo strato diamo un'ulteriore spolverata di formaggio grattugiato ed inforniamo a 180° in modalità ventilata per 30 minuti fino a quando il tutto si presenterà con una bella crosticina croccante e brunita.
Passato il tempo necessario alla cottura estraiamo la teglia dal forno e lasciamo intiepidire il tutto quanto basta per poter tagliare la lasagna senza romperla e servirla magari accompagnandola con dell'altro radicchio grigliato su di una piastra di ghisa.
Stappiamo una bella bottiglia di Gutturnio DOCG dei colli Piacentini fresca e godiamoci questa meravigliosa altalena di sapori


1 commenti:

Posta un commento