venerdì 27 dicembre 2013

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 400 g di cappello del prete, 1 cipolla bianca, 3 cucchiai di olio e.v.o, 1 limone, sale e pepe macinato q.b


Passate le feste Natalizie inizia il dilemma su come smaltire, oltre ai chili di troppo a causa delle abbuffate, anche gli avanzi che inevitabilmente rimangono in frigorifero.
Personalmente una cosa che a me avanza spesso è il bollito tipico del pranzo di S.Stefano che preparo utilizzando come taglio di carne il "cappello del prete".
E' un taglio nobile e fantastico da utilizzare per il bollito come anche il biancostato o il codone, e proprio per questo, se avanza è un peccato non riproporlo sotto altre vesti.
Io oggi ho proposto un'insalata, quindi fredda, di cappello del prete tagliato a dadini più o meno regolari conditi con della cipolla bianca, che ho lasciato a bagno in acqua fredda per un'oretta in modo da renderla più digeribile, insaporiti con un'emulsione fatta con dell'olio e.v.o, il succo di mezzo limone, sale e pepe macinato.
Ho impiattato quest'insalata di carne accompagnandola a della valeriana e delle carote tagliate sottilissime.
Come variante al piatto, volendo si può anche aggiungere alla carne condita anche un paio di cucchiai di fagioli cannellini, che si sposeranno alla perfezione.
Ecco servito un piatto di recupero che unisce sicuramente tanto sapore, ma anche tanta rapidità nel prepararlo, che non guasta mai!
In tempi di "magra" imparare ad inventarsi un sistema contro lo spreco diventa FONDAMENTALE!!


2 commenti:

Posta un commento