lunedì 18 novembre 2013

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 
400 g di farina di Mais
100 g di burro
300 g di Gorgonzola
50 g di parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di olio e.v.o
200 g di funghi Porcini
sale e pepe q.b


La Polenta è un classico piatto della cucina settentrionale dalla Valtellina alla Val d' Aosta.
Ne esistono di varie versioni da quella Taragna delle valli bergamasche a quella Concia che altro non è che una classica polentina condita con formaggio e burro,in questo caso Gorgonzola.
Per realizzare questa ricetta incominciamo con il portare a bollore 1,5 l di acqua nella quale verseremo un cucchiaio raso di sale grosso e uno di olio.
Quando l'acqua inizierà a bollire versiamo a pioggia la farina di mais e incominciamo a rimestare senza sosta fino a quando la polenta che si sarà formata nella pentola non incomincia a staccarsi dai bordi della stessa.
Ora bisogna precisare che se si vuole realizzare la classica polenta bisognerebbe utilizzare semplice farina di mais che comporta una cottura lunga, circa 40 minuti, dove senza sosta bisogna rimestare continuamente,ma devo dire, che anche le polente instantanee che si  preparano nella stessa modalità di quella classica, ma solo in tempi molto minori, vanno più che bene.
Fatta questa doverosa precisazione e realizzata la nostra polenta, scegliete voi la modalità migliore in base al vostro tempo a disposizione, imburriamo per bene delle cocottine usa e getta in alluminio e versiamoci all'interno un cucchiaio di polenta morbida e fumante, aggiungiamo dei fiocchi di burro e un bello strato di gorgonzola, per poi ricoprire con un altro cucchiaio abbondate di polenta.
Come tocco finale guarniamo le cocottine di polenta con una spolverata di parmigiano grattugiato e delle fettine di funghi porcini precedentemente puliti e tagliati.
Mettiamo le cocottine a cuocere ulteriormente in forno caldo a 190° in modalità statico per almeno altri 15/20 minuti al termine dei quali estrarremo e lasceremo intiepidire. 
Quando i nostri sformatini di polenta concia si saranno compattati un pochino estraiamoli dalle cocottine in alluminio rovesciandoli delicatamente sul piatto di portata servendoli come antipasto, o accompagnandoli a del coniglio o del pollo alla cacciatora.
Sicuramente un piatto calorico, ma che una volta ogni tanto, quando fuori fa freddo è anche terapeutico per il morale, insieme a dei buoni amici, un calice di vino e il camino acceso.





2 commenti:

Posta un commento