domenica 30 marzo 2014

Posted by Fabio Barbato |



Ingredienti: 
150 g pesce spada
6 gamberoni
1 mazzetto di prezzemolo
1 spicchio d'aglio
olio di semi q.b
mollica pane raffermo
1 bicchiere di vino bianco
sale e pepe q.b
1 uovo
pangrattato q.b



Le Polpette sono, a mio modesto avviso, la quint'essenza della fantasia in cucina e spesso sono un ottimo viatico per utilizzare avanzi di altre preparazioni.
In questa ricetta prepariamo delle polpettine a base di pesce Spada e Gamberoni in maniera molto veloce, ma altrettanto gustosa che manderanno in visibilio chi avrà la fortuna di assaggiarle.
Questa ricetta nasce nel mio bistrot qualche anno fa così per caso e, mentre mi accingo ad assaggiare il risultato finale, vengono servite ad una coppia di clienti che se ne innamorano a tal punto da presentarsi il giorno dopo in 20 persone per mangiarne ancora.
Morale, provatele perchè non ve ne pentirete!!
Per realizzare questa ricetta tagliamo a punta di coltello in maniera minuziosa sia il pesce Spada che i Gamberoni privati di testa e carapace.
Riponiamo il battuto di Spada e Gamberoni in una terrina capiente al quale aggiungeremo un uovo sbattuto, un trito di prezzemolo fresco e della mollica di pane raffermo precedentemente bagnato in un bicchiere di vino bianco.
Aggiustiamo di sale e pepe macinato ed amalgamiamo tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto piuttosto morbido che porzioneremo in polpettine della dimensione gradita, più piccole sono più velocemente cuociono e sono più sfiziose.
A questo punto impaniamo le nostre polpettine con del pangrattato e friggiamo il tutto in abbondante olio di semi fino a quando non si presenteranno dorate e croccanti.
Non ci resta che impiattare questi bocconcini saporitissimi accompagnandoli con dell'insalatina fresca condita con un emulsione di olio e.v.o e limone.
Stappiamo una bottiglia di bollicine nostrane, dal prosecco allo spumante brut per intenderci, rigorosamente ghiacciata e non avremo nulla di più da chiedere ad un antipastino tutto gusto e mare!

0 commenti:

Posta un commento