sabato 30 novembre 2013

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 300 g di Riso Carnaroli, 3 l di brodo vegetale, 1 scalogno, 15 g di Tartufo nero pregiato, 10 g di burro, 50 g di Parmigiano grattugiato, sale e pepe q.b


Il risotto è un altro fantastico "mezzo" per valorizzare il tartufo nero, che come dicevo l'altro giorno nella ricetta delle pappardelle http://fabiobarbatopersonalchef.blogspot.it/2013/11/pappardelle-al-tartufo-nero-pregiato.html , oltre ad essere un prodotto di stagione meraviglioso è anche decisamente a buon mercato al contrario di quel che si possa pensare quindi adatto alle tasche di tutti.
Iniziamo con il mettere a soffriggere in una casseruola capace lo scalogno tritato con una noce di burro.
Quando lo scalogno incomincerà ad appassire aggiungiamo al soffritto il riso carnaroli a tostare per qualche minuto fino a quando i chicchi diventeranno traslucidi.
Giunti a questo punto possiamo iniziare ad incorporare poco alla volta al riso del brodo vegetale bollente rimestando spesso.
Continuiamo ad incorporare brodo a piccoli mestoli fino a quando il riso sarà al dente aggiustando di sale e di pepe ed aggiungendo a metà cottura qualche scaglia sottile di tartufo precedentemente spazzolato.
Bisogna considerare che se si utilizza il riso di "riseria" e non quello del supermercato il processo di cottura inevitabilmente comporterà tempi un pochino più lunghi dei classici 16/18 minuti.
Tuttavia quando il nostro risotto sarà al dente spegniamo il fuoco e iniziamo la mantecatura aggiungendo una noce di burro e una generosa spolverata di parmigiano grattugiato rimestando energicamente.
Impiattiamo il risotto, io l'ho fatto utilizzando una cialda croccante di parmigiano, aggiungendo abbondante tartufo a lamelle sottilissime utilizzando la mandolina apposita.
Come per le pappardelle, anche in questo caso, si può dare una marcia in più al piatto già profumato di suo aggiungendo a crudo un filo di olio e.v.o al tartufo.
Stappiamo una bottiglia di buon vino, magari un Dolcetto D'Alba, e cerchiamo di gustare oltre che al sapore delicatissimo anche i profumi meravigliosi che questo piatto ci regalerà.
Si mangia con tutti i sensi!!!


1 commenti:

Posta un commento