giovedì 28 novembre 2013

Posted by Fabio Barbato |


Ingredienti: 250 g di macinato di carne misto, 150 g di salsiccia toscana, 1 uovo, 4 fette di pane in cassetta, 1 cucchiaio di pangrattato, 1 bicchiere di latte, 30 g di Parmigiano grattugiato, 1 cucchiaio di salsa Worchesterchire, 350 ml di polpa di pomodoro, 1 spicchio d'aglio, 1 pizzico di origano secco, 4 cucchiai di olive taggiasche, sale e pepe q.b


Le polpette al sugo rappresentano uno dei cavalli di battaglia della tradizione culinaria del nostro paese, anche se, con un'innumerevole quantità di piccole varianti regionali.
Rappresentano allo stesso tempo il piatto della "nonna" che, se fatto in abbondante passata di pomodoro, ti fà cogliere i così detti " due piccioni con una fava" avendo anche pronto il condimento per un primo piatto di prim'ordine.
Iniziamo con il porre il macinato di carne misto di manzo e maiale in una ciotola capiente e di mischiarlo alla salsiccia privata di budello.
Io utilizzo quella Toscana perchè gradisco solo sale e pepe all'interno della carne senza altri aromi.
Alle carni tritate miste incorporiamo anche un uovo, il Parmigiano grattugiato, il pangrattato, le fette di pane in cassetta bagnate e strizzate nel latte ed un cucchiaio raso di salsa worchesterchire e dopo aver aggiustato di sale e pepe amalgamiamo il tutto fino ad ottenere un bel composto morbido, ma allo stesso tempo compatto.
Da questo composto ricaviamo delle polpette della grandezza di una pallina da golf con le quali andremo a fare la prima cottura ponendole in una casseruola capiente con dell'olio e.v.o fino a farle dorare da entrambi i lati per poi scolarle e lasciarle riposare qualche minuto su della carta assorbente.
In un'altra casseruola mettiamo a soffriggere uno spicchio d'aglio schiacciato con dell'olio e.v.o.
Quando l'olio si sarà debitamente profumato rimettiamo le polpette in cottura aggiungendoci, a questo punto, anche la polpa di pomodoro e le olive Taggiasche che regaleranno al nostro sugo una marcia in più.
Lasciamo in cottura a fuoco molto dolce per circa 30 minuti, aggiustando di sale, pepe e origano secco rimestando di tanto in tanto avendo l'accortezza di rigirare delicatamente le polpette che rimarranno dorate all'esterno, ma estremamente morbide e sugose al cuore.
Passato il tempo necessario spegniamo il fuoco e serviamo le polpette calde cospargendole con un abbondante cucchiaio di salsa saporita.
E guai a definire questa leccornia un banale piatto di recupero!!



2 commenti:

Posta un commento